Il vino: il gusto della moderazione

wim-logo-

Il vino,  un parte integrante della vita e della cultura europea

L’UE è il principale produttore di vino al mondo, come anche il primo esportatore mondiale di prodotti vitivinicoli, e il settore contribuisce all’economia dell’UE con circa 15 miliardi di € l’anno.
Tuttavia, l’importanza del settore vitivinicolo per l’economia europea non dovrebbe essere calcolata in termini esclusivamente monetari.
È un settore che coinvolge molti livelli della vita in Europa, contribuendo in maniera significativa al benessere collettivo sul piano socioeconomico, ambientale e societale: laddove le viti ingentiliscono il paesaggio, il settore vitivinicolo offre lavoro a milioni di individui, aiutando a mantenere il tessuto delle società rurali e a preservare uno stile di vita che è centrale alla nozione stessa di identità europea. Non da ultimo, spesso assaporati con del buon cibo o degustati per celebrare eventi importanti, il vino e i prodotti vitivinicoli sono apprezzati da milioni di persone in Europa e nel resto del mondo.

Il settore vitivinicolo europeo riconosce l’importanza di tali contributi e cerca di promuovere la filiera e i suoi prodotti all’interno dell’UE e altrove.

Il settore vitivinicolo europeo, tuttavia, è consapevole anche dei rischi per la salute e dell’impatto socioeconomico negativo che possono essere o che sono stati generati da un consumo scorretto di vino e di altre bevande alcoliche. Esso riconosce che, se per la maggioranza dei consumatori i prodotti vitivinicoli costituiscono una bevanda gradevole da degustare con moderazione, vi è una minoranza di individui che abusano dei prodotti alcolici secondo modalità che risultano nocive per loro stessi e che possono recar danno a chi li circonda. Il settore è inoltre consapevole delle preoccupanti tendenze legate al cosiddetto “binge drinking”, che è diventato una pratica particolarmente diffusa in alcune parti dell’Unione europea e presso determinati gruppi sociali, di età e socioeconomici.

Il settore vitivinicolo europeo ritiene che i prodotti di qualità da esso elaborati inducano di per sé a dei modelli di consumo moderato. Ciononostante, riconoscendo anche che non tutti gli individui consumano vino con moderazione, il settore cerca di promuovere la moderazione e il senso di responsabilità nel consumo di vino come norma sociale.
A tal fine, il settore vitivinicolo europeo ha sviluppato un programma paneuropeo, denominato “Il vino con moderazione”, che mira a promuovere dei modelli di consumo ragionevoli e a ridurre i danni legati al consumo eccessivo e scorretto di alcol e che sostiene delle iniziative volte a limitare i comportamenti dannosi legati all’alcol in Europa, preservando al contempo la posizione che il vino occupa nella cultura, nell’ambiente e nell’economia della società europea.

Il presente messaggio definisce un approccio comune che costituirà le basi e i fondamenti del programma “Il vino con moderazione”, il quale sarà presentato in tutta l’Unione europea con lo scopo di:

Comunicare la moderazione e il senso di responsabilità nel consumo ragionevole di vino, promuovendo ciò come norma sociale/culturale;
Contribuire a prevenire gli abusi e/o gli eccessi nel consumo di bevande alcoliche, riducendo il consumo improprio di alcol e aiutando i giovani e gli adulti a prendere decisioni sensate e responsabili relative al bere;
Collaborare in maniera efficace con le autorità competenti e con altri soggetti interessati alla prevenzione del consumo scorretto o eccessivo di vino.

WineNews, all’estero gli italiani bevono vino locale e birra
Rupi del Vino – Il film documentario di Ermanno Olmi