Vino, Birra, Enogastronomia e buona tavola

IL VINO SFUSO TORNA DI MODA

Scritto da Eva di Pretoro • Sabato, 13 febbraio 2010 • Categoria: Vino


Spesso si pensa al vino "sfuso" come ad un vino di qualità molto bassa, anonimo, indifferenziato, prodotto soprattutto da cantine sociali e venduto in cisterne per essere poi confezionato in bottiglie da litro, litro e mezzo, piccole damigiane.

Oggi sono sempre più numerosi i casi in cui la qualità del vino sfuso ha poco da invidiare a quella del vino in bottiglia.

Anni di innovazioni tecnologiche, di progressi scientifici e culturali nel settore enologico, sono serviti a migliorare questo prodotto.

  Si parla, in particolare,  del vino sfuso venduto nei punti vendita delle aziende e delle cantine: posso essere vini a Igt, ma anche a Doc, e con prezzi al litro convenienti ma non bassissimi.


L' Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) ha rilevato per Fedagri nel 2009 una crescita dell’export viti-vinicolo italiano del 10,2% in volume, ma con un calo del 5,4% in valore rispetto al 2008.

Lo sfuso è salito del 18% e rappresenta un terzo del totale delle esportazioni di vino italiano.

Ci sono importanti catene che comperano vini sfusi e poi li imbottigliano nei loro Paesi (dal Canada alla Svezia) con etichette che dichiarano l’origine italiana.

In Germania gli sfusi made in Italy sono saliti del 21%.

In ogni caso non c'è dubbio che il consumatore del vino sfuso sia, per abitudini e classe d'età, molto diverso dall'acquirente del vino in bottiglia ma questo non ha a che fare con la qualità.

Il periodo migliore dell’anno per l’acquisto del vino sfuso è la primavera, per il vino destinato al consumo immediato e per i vini bianchi. In autunno invece, vanno acquistati i vini rossi da invecchiare in bottiglia.
16417 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

1 Trackbacks

  1. Per ridurre i rifiuti, il Piemonte, dopo la vendita nei supermercati del detersivo alla spina, lancia ora il vino doc alla spina. La bottiglia si acquista la prima volta e poi si riporta al punto di vendita per il riutilizzo. L’iniziativa è della Regio

1 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. io sono anni che prendo il vino sfuso... personalmente lo prendo da Cantina d’Offizi e mi trovo benissimo. lo uso per bere e per cucinare. hanno parecchi punti vendita a Roma e nel Lazio e per chi interessa, ne aprono sempre dei nuovi. i prezzi sono buoni e i vini sono di qualità (almeno a mio modesto parere)
    questo il sito del produttore.
    http://www.vinisfusidiqualita.it

    io personalmente prendo il vino bianco falanghina e greco di tufo…

    Buona bevuta a tutti

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.
To leave a comment you must approve it via e-mail, which will be sent to your address after submission.

To prevent automated Bots from commentspamming, please enter the string you see in the image below in the appropriate input box. Your comment will only be submitted if the strings match. Please ensure that your browser supports and accepts cookies, or your comment cannot be verified correctly.
CAPTCHA