Vino, Birra, Enogastronomia e buona tavola

Anche d’estate è tempo di vino rosso: un potente alleato della nostra salute

Scritto da Ciro Iodice • Martedì, 16 giugno 2009 • Commenti 0 • Categoria: Vino rosso
Il resveratrolo, un alleato per l'estate
Il vino rosso come elisir di lunga vita.

Denso, corposo, servito fresco al tramonto dopo una giornata piena di sole.
Va assaggiato lentamente respirandone gli aromi, percependo in bocca le sottili sfumature conferite al suo sapore dal posto in cui è nato.

Ma il vino non è solo un piacere per i nostri sensi è anche fonte di benessere per il nostro corpo.

I ricercatori della School of Biomedical Sciences dell'Universita' di Queensland, in Australia, hanno scoperto il modo in cui il resveratrolo, un fenolo contenuto nel vino rosso, agisce per preservare la salute del nostro organismo.


>>Continua a leggere "Anche d’estate è tempo di vino rosso: un potente alleato della nostra salute"

9681 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Al via la “nobile” estate dei vini a Montepulciano

Scritto da Ciro Iodice • Venerdì, 5 giugno 2009 • Commenti 0 • Categoria: Vino e manifestazioni
Montepulciano Nobile
È partito con la prima serata dei "Mercoledì del Nobile" il cartellone di appuntamenti estivi del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano.

Ogni mercoledì dal 3 giugno al 17 luglio torna infatti per il terzo anno il fortunato ciclo di incontri promosso per far scoprire agli appassionati la storia e le caratteristiche dei vini di Montepulciano con la presenza dei produttori.

Dopo il successo dello scorso anno la sede di questi appuntamenti sarà la deliziosa cornice del Palazzo del Capitano, nel pieno cuore di Montepulciano, sede anche dell’Enoteca Consortile.

Tra le novità di questa nuova edizione l’abbinamento alla degustazione che ogni mercoledì varierà con i prodotti del territorio. Dalla Chianina alla Cinta Senese; dai pecorini ai dolci senesi tutto in collaborazione con varie realtà del territorio.

Nel programma estivo del Consorzio del Vino Nobile non potevano mancare le serate in musica in collaborazione con il Cantiere Internazionale d’Arte.

Il 25 luglio in particolare la piazza Grande di Montepulciano diventerà la sede del Baccanale d’Arte dove musica, arte e vino si sposeranno per dare vita a una vera e propria festa aperta al pubblico.

La serata, in collaborazione anche con il Magistrato delle Contrade, farà da preludio all’agosto poliziano, anch’esso ricco di appuntamenti.


>>Continua a leggere "Al via la “nobile” estate dei vini a Montepulciano"

5110 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

In tavola meno vino ma più qualità

Scritto da Ciro Iodice • Giovedì, 14 maggio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Vino
Meno vino e più qualità
COLDIRETTI, IN TAVOLA MENO VINO (- 2 %) MA PIU'QUALITA' (+ 1,8 %)

Promuovere conoscenza a scuola per fermare abusi a partire dai giovani

Il consumo familiare di vino si è ridotto complessivamente del 2 per cento, ma è aumentato dell'1,8 per cento l'acquisto di bottiglie di vini a denominazione di origine confezionati (DOC/DOCG) che ha praticamente raggiunto in valore quella per i vini da tavola, sulla base dei dati Ismea/AcNielsen relativi al 2008.

E' quanto afferma la Coldiretti, in riferimento allo studio dell'Ispo commissionato da Federvini sul rapporto tra i giovani e l'alcol, dal quale si evidenzia che In Italia il Binge drinking, il bere non spesso ma molto, nel nostro Paese e' un fenomeno meno frequente rispetto ai paesi del nord europa e riguarda un segmento molto ristretto di giovani, solo uno su dieci.

L'analisi dimostra l'efficacia della formazione poiché tra molti giovani si sta anche affermando un consumo responsabile di vino che è divenuto l'espressione di uno stile di vita "lento" attento all'equilibrio psico-fisico che aiuta a “stare bene con se stessi".

E il fatto che si stima che almeno il 40 per cento degli oltre 30mila sommelier italiani sono giovani, dimostra - sottolinea la Coldiretti - che cresce tra le nuove generazioni la cultura della degustazione consapevole del vino, da contrapporre al consumo sregolato di alcol.


>>Continua a leggere "In tavola meno vino ma più qualità"

6419 hits
Tags: ,
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Terza edizione di JadaVagando: la manifestazione vinicola di Bisol e Jada

Scritto da Ciro Iodice • Giovedì, 23 aprile 2009 • Commenti 0 • Categoria: Vino e manifestazioni
Jadavagando 2009
Un indimenticabile viaggio goloso di arte, natura, enogastronomia, sulle colline di Rolle di Cison di Valmarino, un paradiso dell'entroterra di Venezia
Bisol e Jada vi danno appuntamento alla terza edizione di Jadavagando.

Domenica 3 maggio si svolgerà la terza edizione di Jadavagando, l'evento promosso da Bisol e Jada nella meravigliosa tenuta dell'Altamarca Relais Duca dimenticare Dolle a Rolle dimenticare Cison di Valmarino.

Una manifestazione all’insegna del buon gusto, il cui ricavato andrà devoluto a Slow Food, una realtà che, come Bisol, si impegna nella tutela del territorio e della tipicità.

La giornata sarà il connubio tra arte, musica e la cultura del vino e del cibo, simbiosi storicamente proposta dall’azienda Bisol, per sottolineare che il vino non è “qualcosa da bere” ma “da degustare” e che coinvolge ed emoziona tutti i sensi.

Mostra delle opere di scultore MaxSolinas

MaxSolinas, artista di origini veneziane, vive e si ispira a Cison di Valmarino, in mezzo alla Natura, con la sua “Lupa Arja, da dove trae l'energia vitale”. La sua Arte rivolge l'attenzione allo studio della figura femminile fino alla sua stilizzazione, alla ricerca estrema e continua di linee e volumi legati assolutamente al dialogo con le persone. Perché " ...l'arte deve comunicare e far comunicare". Proprio per questo tiene incontri e seminari sul tema "Arte Natura Alberi". www.maxsolinas.com


>>Continua a leggere "Terza edizione di JadaVagando: la manifestazione vinicola di Bisol e Jada"

2757 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

La più grande bottiglia di spumante esposta al G8 di Treviso è pronta del Guinness

Scritto da Ciro Iodice • Lunedì, 20 aprile 2009 • Commenti 1 • Categoria: Vino e manifestazioni

La bottiglia dei record di Prosecco Conegliano Valdobbiadene quella che gia' tutti definiscono come la piu' grande bottiglia di spumante del mondo (anche se non e' ancora entrata nel Guinness) e' ospitata in questi giorni all'interno di Castelbrando a Cison di Valmarino, location speciale del G8 dell'Agricoltura.

La realizzazione, una vera opera d'arte appoggiata su un basamento di granito e decorata da una vite in bronzo battuto, frutto dell'opera dello scultore trevigiano Carlo Balljana viene esposta all'interno del castello, visibile a tutti i partecipanti presenti al vertice internazionale.

La bottiglia rappresenta simbolicamente il biglietto da visita della Marca Trevigiana, territorio dove si produce il 95% del Prosecco ed in particolare l'eccellenza del ''Conegliano e Valdobbiadene doc'', fiore all'occhiello degli oltre 100 prodotti tipici trevigiani.


>>Continua a leggere "La più grande bottiglia di spumante esposta al G8 di Treviso è pronta del Guinness"

7457 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Gli Antichi Egizi usavano il vino più di 5.000 anni fa

Scritto da Ciro Iodice • Mercoledì, 15 aprile 2009 • Commenti 0 • Categoria: Vino
Raffigurazione di una vendemmia egizia
Secondo una ricerca USA, gli Egiziani dell'Era dei faraoni lo usavano in medicina più di 5.000 anni fa.

Il vino era già utilizzato cinquemila anni fa in medicina dagli antichi egizi che usavano arricchirlo con erbe e resine secondo i ricercatori dell’Università di Pennsylvania del Museo di Archeologia e Antropologia

E’ quanto afferma la Coldiretti nel riferire i contenuti del rapporto del gruppo di ricerca guidato da Patrick E. McGovern pubblicato negli “Atti dell’Accademia Nazionale di Scienze” (PNAS del 13 aprile), che sono particolarmente interessanti per l’Italia che è il primo produttore mondiale di vino.

L’analisi chimica di alcune damigiane, datate attorno al 3150 avanti Cristo e ritrovate negli scavi, ha rilevato - sottolinea la Coldiretti - la presenza di erbe e resine di alberi immerse nel vino di uva al quale venivano quindi riconosciute proprietà medicinali.

Si tratta - continua la Coldiretti - della prima prova chimica dell’uso di questi rimedi organici in medicina da parte degli egiziani della quale si avevano sono conoscenze sulla base di papiri risalenti dal 1850 prima di Cristo.


>>Continua a leggere "Gli Antichi Egizi usavano il vino più di 5.000 anni fa"

12482 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

In Russia si beve vino Made in Italy

Scritto da Ciro Iodice • Martedì, 7 aprile 2009 • Commenti 0 • Categoria: Vino
Vendite di vino in aumento in Russia
Le bottiglie di vino Made in Italy spedite in Russia sono aumentate del 30 per cento nel 2008 raggiungendo un valore record di 64 milioni di euro.

E' quanto afferma la Coldiretti, sulla base dei dati Istat, nel sottolineare che tra i prodotti italiani esportati verso Mosca si tratta del settore che evidenzia la crescita piu' elevata.

Uno straordinario balzo in avanti rispetto all'andamento generale del commercio che - sottolinea la Coldiretti - svolge una funzione da traino per l'intera produzione nazionale dei diversi comparti produttivi, a partire dall'agroalimentare dove la crescita in valore delle esportazioni è stata del 10 per cento nel 2008.

Si è verificata una rapida ascesa dei consumi di vino che hanno già raggiunto i 7 litri procapite l'anno ma secondo la Research Agency for Federal and Regional Alcohol Markets, gli acquisti di vino in Russia - riferisce la Coldiretti - cresceranno a ritmi tali da raggiungere in pochi anni i livelli dell'Europa occidentale, lasciandosi per sempre alle spalle l'idea stereotipata del russo bevitore di vodka.


>>Continua a leggere "In Russia si beve vino Made in Italy"

4093 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Un sorso di vino contro i titoli tossici

Scritto da Ciro Iodice • Venerdì, 27 marzo 2009 • Commenti 0 • Categoria: Mercati e Tendenze, Vino
Brunello di Montalcino
E’ meglio una cassa di Brunello di Montalcino d’annata o un pacchetto di titoli azionari della più grande azienda vitivinicola cilena? La seconda, ai tempi della crisi. Perché nella tempesta che ha travolto le Borse, il nettare di Bacco non ha perso il suo fascino. Anzi, si è rivelato un ottimo investimento.

Lo dimostrano i risultati dell’ultima indagine dell’Ufficio Studi di Mediobanca che ha riunito in un indice le società vinicole quotate, tra le quali purtroppo non figura alcuna italiana. Ebbene, le big del vino hanno resistito meglio delle Borse mondiali alla crisi finanziaria.

Nel 2008 il calo registrato dall'indice è stato infatti del 28,9% contro il -38,3% della variazione delle piazze internazionali e nei primi due mesi del 2009 l’indice vinicolo ha lasciato sul terreno solo il 3,3% contro la caduta del 15,3% dei mercati mondiali. L’indagine ha preso in esame le 97 maggiori imprese vinicole italiane che fatturano più di 20 milioni di euro e le nove maggiori società quotate internazionali con un fatturato superiore ai 200 milioni di euro.

Da gennaio 2001 l’indice mondiale delle società vinicole quotate (38 in 14 Borse la cui capitalizzazione, a fine febbraio scorso, era pari a 14,1 miliardi di euro) è cresciuto del 62,4% mentre nello stesso periodo le Borse mondiali hanno piegato del 31,6 per cento. Le maggiori crescite dal 2001, secondo l’indagine, sono state segnate dalle società vinicole cilene (+101%) e cinesi (+94%) anche se in entrambi i casi sono state superate dall’indice domestico.

Le più grosse soddisfazioni sono però arrivate dall’aziende vinicole di Francia e Nord America che hanno più ampiamente superato le rispettive borse (rispettivamente del 135% e del 103%).


>>Continua a leggere "Un sorso di vino contro i titoli tossici"

2817 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!