Vino, Birra, Enogastronomia e buona tavola

Export del vino italiano. Record assoluto.

Scritto da 100vino • Martedì, 30 agosto 2011 • Commenti 0 • Categoria: Mercati e Tendenze

Siamo di fronte ad un vero e proprio record assoluto, quando si parla dell'export del vino italiano.
Sarebbero 4 miliardi gli euro previsti per le esportazioni di vino italiano nel 2011, ovviamente se verrà mantenuto l’attuale trend di crescita. A prevederlo è la Coldiretti che sottolinea il buon andamento della tendenza nelle vendite nel mondo del vino italiano nonostante la crisi mondiale. La crescita negli ultimi 5 mesi è del 15 per cento sulla base dei dati Istat.

L’aumento è il risultato di una crescita del 12 per cento nei paesi dell’Unione Europea e del 21 per cento negli Stati Uniti che sono i punti di riferimento storici.
Straordinarie però sono soprattutto le performance sui mercati emergenti come la Russia che registra un balzo del 44 per cento e la Cina dove le spedizioni di vino Made in Italy sono piu’ che raddoppiate (+126 per cento) e la domanda si è fatta economicamente consistente.
Si tratta di una ottima premessa per la vendemmia in corso iniziata nel nord con un anticipo fino a due settimane, nelle regioni del centro è anticipata in media di una settimana mentre nel mezzogiorno è piu’ o meno nella norma.
Fino ad ora le condizioni delle uve sono in generale molto buone per effetto del caldo in primavera e dell'estate che ha garantito un'ideale alternanza fra temperature nella fase di maturazione.


>>Continua a leggere "Export del vino italiano. Record assoluto."

11211 hits
Tags:
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Nel 2010 record storico per export vino

Scritto da Apcom • Lunedì, 24 gennaio 2011 • Commenti 1 • Categoria: Mercati e Tendenze
Per aziende italiane fatturato stimato a 3,7 miliardi euro, +9%

Record storico nel 2010 per l'export di vino italiano nel mondo.
Lo afferma la Coldiretti sulla base di un'analisi dei dati Istat sull'andamento del commercio estero.
L'anno scorso, in particolare, le aziende italiane hanno avuto un fatturato stimato in 3,7 miliardi di euro, in aumento del 9%, "la voce più importante dell'export agroalimentare nazionale".

Nel mondo - spiega l'organizzazione agricola - sono stati stappati più di 2 miliardi di bottiglie di vino italiano.


>>Continua a leggere "Nel 2010 record storico per export vino"

5426 hits
Tags:
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Coldiretti: le bollicine italiane sorpassano quelle francesi

Scritto da Eva di Pretoro • Domenica, 21 febbraio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Mercati e Tendenze

Da un analisi fatta dalla Coldiretti è emerso che il 2009 è stato un anno negativo per le bollicine francesi, infatti c'è stato un crollo nelle spedizioni dello Champagne del 22% in quantità, un totale di 8,87 milioni di casse da 12 bottiglie (106 milioni di bottiglie), per un valore di 1,6 miliardi di euro (-28%).

Questo calo, ha favorito per la prima volta lo storico sorpasso dello spumante Made in Italy, segnando un aumento del 5% nelle bottiglie esportate per un totale di 130 milioni di bottiglie spedite nei soli primi undici mesi del 2009, secondo lstat.

Per effetto della crescita della domanda straniera, le esportazioni dello spumante italiano hanno addirittura superato i consumi nazionali.

E' da sottolineare che , in realtà, oggi l'insieme delle esportazioni francesi di vini ed alcolici è in forte calo, per un totale del 17%  e un valore di 7,74 miliardi di euro, che è pari a piu' del doppio dell'export di vini Made in Italy che nel 2009 - secondo la Coldiretti - non dovrebbe superare i 3,5 miliardi in calo del 5% in valore ma in aumento del 9% in quantità.

La Coldiretti precisa che i principali consumatori di spumanti italiani si trovano in Germania e negli Stati Uniti, ma elevati tassi di crescita si registrano per la Gran Bretagna e nei paesi emergenti.


>>Continua a leggere "Coldiretti: le bollicine italiane sorpassano quelle francesi"

4765 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

UNA GRANDE REALTA' ABRUZZESE: CANTINA TOLLO

Scritto da Eva di Pretoro • Venerdì, 22 gennaio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Vino bianco fermo
In Abruzzo, un grande territorio vocato alla viticultura, nella provincia teatina tra l'Adriatico e la Majella , si trova Tollo, un piccolo paesino con una grande realtà: Cantina Tollo.

Nasce nel 1960 dall'iniziativa di un piccolo gruppo di persone, unite dalla volontà di valorizzare una tradizione antica e dall'entusiasmo di dare vita ad una nuova esperienza .

19 soci nel 1960, quasi 1200 a tutt'oggi: una lucida sintesi che testimonia il legame di Cantina Tollo con il territorio e gli uomini che curano i vigneti con indicibile passione.

Cantina Tollo vende oltre 12 milioni di litri di vino in bottiglia, coltiva 3.500 ettari di terra.

Cantina Tollo esporta oltre che in tutte le regioni italiane, in tutti i Paesi dell'Unione Europea, in Svezia, il Danimarca, in Germania, nel Regno Unito e anche oltreoceano, in Giappone, negli Stati Uniti, in Canada.
Infatti attualmente l'esportazione rappresenta il 40% del volume di vendita del vino imbottigliato e il 44% del fatturato.
Lo sviluppo della Cantina è stato il frutto di un impegno costante, fatto di scelte delicate e di investimenti importanti, per la crescita dell'azienda e il miglioramento della qualità.



>>Continua a leggere "UNA GRANDE REALTA' ABRUZZESE: CANTINA TOLLO"

7404 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

IL VINO PIU' ESPORTATO ALL'ESTERO E' ABRUZZESE

Scritto da Eva di Pretoro • Martedì, 12 gennaio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Mercati e Tendenze

Che la pasta si il prodotto abruzzese più venduto all'estero (sua maestà DE CECCO), lo sapevano tutti, ma a sorprendere quest'anno è stato il vino, registrando nei primi nove mesi del 2009 con un incremento del 4,4% rispetto allo stesso periodo del 2008, a fronte di un decremento dell'export nazionale del 5,7%.

I vini abruzzesi   sono il Montepulciano d'Abruzzo, il Trebbiano d'Abruzzo e il Montepulciano d'Abruzzo Cerasuolo, che a quanto pare sono conosciuti ed apprezzati più all'estero che in Italia.

La cosa sorprendente è che le produzioni vinicole di altre regioni come Piemonte, Toscana e Veneto hanno visto, invece, restringersi la loro quota di mercato.
Nel periodo 2003-2008, invece, l'export abruzzese era passato da 234 milioni di euro di fatturato a 339 milioni di euro con una crescita del 44% in appena sei anni. Sono alcuni dei dati più significativi messi in evidenza nel corso di una conferenza stampa che ha visto la partecipazione dell'assessore all'Agricoltura, Mauro Febbo, e del presidente del Centro Estero delle Camere di Commercio abruzzesi, Daniele Becci.
Insomma,
L’agroalimentare abruzzese non teme la crisi e mostra dati in controtendenza rispetto a quelli nazionali.


>>Continua a leggere "IL VINO PIU' ESPORTATO ALL'ESTERO E' ABRUZZESE"

8021 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

PUGLIA BEST WINE: l'export per i vini di qualità

Scritto da Eva di Pretoro • Domenica, 10 gennaio 2010 • Commenti 0 • Categoria: Mercati e Tendenze


Per la prima volta, nella storia del vino della Puglia, cinque territori, cinque diverse DOC del Salento, cinque realtà produttive di riferimento, si uniscono per promuovere il vino pugliese all'estero.

Nasce Puglia Best Wine, un consorzio per la promozione e l’export del vino di qualità che raccoglie cinque marchi importanti dell’enologia pugliese: Tenute Rubino,Cantine Due Palme, Conti Zecca, Candido e il Consorzio Produttori Vini di Manduria.

Cinque aziende produttive differenti che, però, condividono valori, filosofia ed obiettivi strategici.
Il Presidente del Consorzio Puglia Best Wine è Luigi Rubino,un giovane imprenditore di Brindisi, che ha preso l’iniziativa ed ha riunito figure storiche del mondo produttivo del Salento, titolari di aziende importanti, di marchi riconosciuti, impegnati a rappresentare il meglio dell’enologia pugliese nel mondo.
Questa unione è formata da Alessandro Candido della Famiglia Zecca, da Angelo Maci di Cantine Due Palme e dal vice-presidente di Puglia Best Wine Fulvio Schiavoni del Consorzio Produttori Vini di Manduria.

 



>>Continua a leggere "PUGLIA BEST WINE: l'export per i vini di qualità"

4802 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Crollano i prezzi dei vini francesi

Scritto da Ciro Iodice • Martedì, 24 marzo 2009 • Commenti 0 • Categoria: Champagne, Mercati e Tendenze, Vino

Crollo dei prezzi per i vini francesi
Anche i vini francesi, i grandi "crus", sono vittime della crisi economica che in Francia ha già messo ko il settore immobiliare.

Ed il mercato crolla: è successo all'annata più prestigiosa degli ultimi tempi, quella del 2005. Un "premier cru" di Bordeaux che si vendeva a più di 1.000 euro la bottiglia fino allo scorso luglio, sul mercato londinese oggi non costa più di 500 euro. Insomma, dopo l'esplosione delle "bolle" immobiliare e speculativa in Francia, ora tocca anche a quella del vino.

Naturalmente si parla dei vini che meritano la definizione di grandi "crus", prodotti straordinari e in alcuni casi unici, sia per provenienza (hanno questa denominazione concessa ufficialmente soltanto alcuni vigneti di qualità superiore), sia per annata.

Si tratta di etichette mitiche come Cheval-Blanc, Palmer, Yquem, Haut-Brion, Ducru-Beaucaillou: tutti prodotti che si quotano come in Borsa e i cui prezzi seguono spesso la curva del Dow Jones newyorkese.

Bottiglie di Mouton e di Latour 2008 quindi a 100 euro ad esemplare quest'anno? Non è impossibile. Gli esperti parlano di "crollo epocale" con prezzi in calo del 20%-30% per i "cru" medi (venduti intorno ai 10-20 euro alla bottiglia) e fino al 40-50% per i più noti "chateaux". Calo che sembra destinato a durare.



>>Continua a leggere "Crollano i prezzi dei vini francesi"

8700 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Rosso Velletri: Maxi accordo in vista per l'export in Cina

Scritto da Ciro Iodice • Martedì, 17 marzo 2009 • Commenti 0 • Categoria: Vino e manifestazioni

Maxi-accordo per l'export del vino in Cina
La Cina e' piu' vicina per il sistema produttivo cooperativo del Lazio.

C'e' un accordo di massima, che dovrebbe essere siglato nel fine settimana in occasione della 15/ma Feste delle camelie a Velletri alla presenza dell'ambasciatore cinese - ha annunciato l'assessore del Comune veliterno alla Promozione dei prodotti locali Carlo Guglielmi - per l'esportazione nel Paese della grande muraglia di 500mila ettolitri di vino rosso prodotto dalla cantina cooperativa Coprovi, una realta' sociale con oltre 1000 soci.


Si tratterebbe, come sottolineato dall'assessore provinciale alle Politiche Finanziarie e di Bilancio Antonio Rosati,

di un maxi-accordo, per quantita' tra i piu' importanti nell'interscambio Italia-Cina, che risolverebbe tutti i problemi della realta' sociale del Lazio.

Un'apertura, di fatto, di un canale commerciale straordinario e una testimonianza che si puo' uscire dalla crisi, in forme piu' giuste e solidali, facendo sistema.

L'importante incontro culturale ed economico ci spinge a programmare una due-giorni con ambasciatori dei Paesi asiatici per attrarre nuovi operatori nel circuito di bellezze che a Velletri comprende importanti musei, come l'archeologico che conserva il sarcofago delle fatiche di Ercole
.



>>Continua a leggere "Rosso Velletri: Maxi accordo in vista per l'export in Cina"

2757 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!