Vino, Birra, Enogastronomia e buona tavola

O’ scuru o’ scuru. L'Etna Rosso tra arte e poesia

Scritto da 100vino • Lunedì, 28 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Vino rosso

L' O’ scuru o’ scuru nasce nel profondo sud italiano, sulle pendici dell'Etna, da vitigni Nerello Mascalese (80%) ed il Nerello Cappuccio (20%).

La declinazione di questo vino rosso viene prodotto da una giovane azienda vitivinicola - Al-Cantàra - che in poco tempo ha saputo affermarsi sul mercato sia per il connubio, unico e prezioso nel suo genere, tra uva, versi e pastelli, sia per la qualità dei vini, riconosciuta con alcuni premi di portata nazionale e internazionale: fra questi il Vinitaly e la Douja D’or nel 2008, nonché Pramaggiore e la selezione del Sindaco nel 2009.

L' O’ scuru o’ scuru non è solo un vino fine a se stesso, ma è frutto di un progetto.
Il nome della giovane azienda, portata avanti da Pucci Giuffrida, ha un nome cercato, studiato, voluto, pieno di significato e di allegoria.
“al-cantàra” in arabo significa “ponte”: ed è proprio come un ponte che Giuffrida ha voluto unire elementi storici della terra siciliana in un sottile collegare fra loro arte, vino e poesia.

Per chi conosce le opere di Nino Martoglio, cui i vini di questa azienda vitivinicola si ispirano, sa che i suoi versi ricreano sapientemente l’atmosfera elegante e raffinata, con una dovizia di particolari dove il sapore emerge in chiave figurativa.

E così, ad esempio, “O’ scuru o’scuru” è la silloge di sonetti siciliani sulla “maffia” – trattata chiaramente in chiave nient’affatto elogiativa o encomiastica – diventando il nome di un rosso DOC, sulla cui etichetta è rappresentato l’ambiente tipico delle osterie siciliane di qualche tempo addietro, colori cupi, avventore con bottiglia in una mano, penna d’oca nell’altra, intento a scrivere qualcosa sotto la fioca luce di una candela.

Ma torniamo al vino “O’ scuru o’scuru”.


>>Continua a leggere "O’ scuru o’ scuru. L'Etna Rosso tra arte e poesia"

3196 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Lombardia. Il mosaico del vino

Scritto da 100vino • Martedì, 22 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Vino rosso

Il nuovo libro "Lombardia. Il mosaico del vino" è il settimo volume della collana “Le grandi aziende vitivinicole d'Italia” di Andrea Zanfi edita della Carlo Cambi Editore.

I volumi precedenti (“I Supertuscans”, “Viaggio tra i grandi vini di Sicilia”, “Friuli. Terre, uomini, vino”, “Piemonte... la signora del vino”, “Le Marche... l’orto del vino”, “Il Veneto, noialtri e il vino”), nell’arco dell’ultimo quinquennio hanno ottenuto plausi e consensi di pubblico e di critica anche a livello internazionale con vittorie a prestigiosi concorsi quali “Libri da Gustare” e “Gourmand World Cookbooks Awards”.

Anche questo volume ha ottenuto due riconoscimenti:

  • E' uno dei 4 titoli più gustosi dell'anno alla XIII edizione del concorso letterario 'LIBRI DA GUSTARE', la manifestazione che intende promuovere l'editoria enogastronomica e di territorio.
  • Miglior libro italiano nelle categorie 'Best Book on European Wine' e 'Best Wine Photography Book' (miglior libro sui vini europei e miglior libro fotografico sul vino) partecipando al Gourmand World Cookbook Awards 2010.

L’autore da diversi anni sta effettuando un lavoro minuzioso di ricerca non solo della migliore produzione enologica della nostra penisola, ma degli aspetti culturali che regolano i complessi comparti vitivinicoli delle regioni italiane andando a sondare quale sia il presente e il futuro del settore e quali invece le scelte e le iniziative di quei vignaioli che hanno saputo porsi all’attenzione del mercato nazionale e internazionale.

Lombardia. Il mosaico del vino “svela” 58 aziende vitivinicole di questa regione che ai più è sconosciuta sotto l’aspetto vitivinicolo e poco incline anche a “farsi scoprire”.

Una regione che ha richiesto un lavoro minuzioso di ricerca e di selezione di quei vignaioli che nel libro sono raccontati attraverso pennellate narrative capaci di cogliere gli aspetti più veri e sinceri che li caratterizzano; insomma, non soltanto la mera visione di un’azienda e dei suoi prodotti, ma il racconto di un viaggio alla scoperta di chi vi sia “dietro” al vino e alla sua realizzazione.


>>Continua a leggere "Lombardia. Il mosaico del vino"

6626 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Seducendo Vino: il primo corso di seduzione che parla anche di vino.

Scritto da 100vino • Lunedì, 14 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Vino

E' stato tenuto a Roma dalla Dott.ssa Ida Carità un innovativo corso per gli appassionati del vino e della seduzione.
Il corso si è tenuto presso C.R.D.D.M.M Marina Militare Lungotevere delle Armi 20.

Il vino è indubbiamente un potente mezzo di comunicazione o, se vogliamo essere precisi, è un mezzo molto efficace per favorire  la comunicazione e per creare tutti quei presupposti per un sano ed un piacevole stare insieme.

Ma è anche strumento, che se ben conosciuto e gestito, può garantire ottimi risultati per creare l'incantesimo che si chiama seduzione.
Quel momento magico in cui tutto può accadere, e che può portarci a momenti indimenticabili.

Sia l'uomo che la donna devono quindi conoscere i rituali che accompagnano questa afrodisiaca bevanda, sia nella forma che nella sostanza, divenendo padroni delle relative tecniche di comunicazione ad esso abbinate.

Comunicare con il vino è un'arte che si può apprendere solo da chi esperienza sia nel campo della degustazione che della comunicazione.


>>Continua a leggere "Seducendo Vino: il primo corso di seduzione che parla anche di vino."

7356 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Pugnitello e Leopoldo: un antico vitigno per un nuovo vino

Scritto da 100vino • Lunedì, 14 dicembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Vino rosso
Pugnitello - Leopoldo - Fattoria Santa Vittoria
Dopo venti anni di studi e sperimentazioni il Pugnitello un antico vitigno toscano a rischio estinzione torna ad essere vino nelle nostre cantine.

Per l’eccezionale evento è stato deciso di dedicare questo vino al granduca Leopoldo di Lorena, un grande riformatore agrario e non solo.
Ricorreva infatti in questi giorni l’anniversario dell’abolizione della pena di morte in Toscana avvenuta in data 30 novembre 1786, sotto il regno di Pietro Leopoldo Asburgo Lorena.
La Toscana grazie a questo illuminista illuminato fu il primo Paese civile al mondo ad aver abolito la tortura e la pena capitale.

In agricoltura il suo spirito riformista ebbe modo di applicarsi a pieno in Valdichiana dove Leopoldo è stato fondamentale e ha ridisegnato il nostro territorio come gia avevano fatto in passato etruschi e romani. Come un novello Mosè separo di nuovo le acque e organizzò la gestione della terra e della forza lavoro con incredibile modernità.

Per tutti questi motivi la Fattoria Santa Vittoria si è permessa di ricordare la sua opera nel ritorno di questo vino davvero unico e speciale: il Pugnitello.

Pugnitello: un vitigno antico e moderno

Possiamo chiamare il Pugnitello un antico vitigno perché scoperto solo venti anni fa in Maremma.
Di questo vitigno non si hanno notizie storiche e la sua origine è avvolta nel mistero.
Lo studio del DNA ne ha infatti provata l’originalità e la distanza rispetto ai cloni piu conosciuti con il quale è stato messo a confronto e quindi confermata la sua natura di vitigno autoctono.
Moderno perché solo da pochi anni (2003) è stato inserito nel registro Toscano dei vini ammessi a vinificazione.


>>Continua a leggere "Pugnitello e Leopoldo: un antico vitigno per un nuovo vino"

5894 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

"VINO E EROS" : BENESSERE E SESSUALITA'

Scritto da Eva di Pretoro • Sabato, 21 novembre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Vino

si sa,  l’alcool interagisce con i meccanismi che regolano l’attività sessuale di uomini e donne. 
Il vino è  da sempre associato da artisti e poeti al gusto del vivere, dell’amore, al piacere dei sensi. Insolito è che la scienza medica affronti il tema del rapporto tra vino e eros.
«Vino e Eros» (Giunti Demetra), curato da Riccardo Bartoletti, Nicola Mondaini, Francesco Montorsi, tre urologi di fama mondiale, è una raccolta di scritti di specialisti attinenti a vari settori disciplinari, che affrontano la dialettica fra vino e amore a differenti livelli di approfondimento, proponendo generalmente un punto di vista inconsueto e di grande interesse.

Un libro che ricostruisce sia in prospettiva storico-popolare, sia in un’ottica legata ai nostri meccanismi fisiologici, l’intreccio tra Vino ed i nostri comportamenti sessuali.
Virilità e insicurezze, piaceri e timori, vengono scandagliati alla luce dell’assunzione della bevanda alcolica più amata del nostro paese, mettendo in luce i benefici che ne derivano.
L’idea del libro nasce da una ricerca realizzata dall’Ospedale S. Maria Annunziata di Firenze, noto per la sua localizzazione geografica come Ospedale del Chianti, che ha evidenziato gli effetti positivi del vino rosso sulla sessualità delle donne.

La ricerca è stata realizzata su un campione di 789 donne di età compresa tra i 18 ed i 50 anni, residenti nel Chianti che hanno completato il questionario FSFI (Female Sexual Function Index) che valuta la funzionalità sessuale femminile attraverso 19 domande su 6 aspetti (desiderio, interesse, lubrificazione, orgasmo, soddisfazione, dolore) nelle ultime 4 settimane che ne precedono la compilazione.
Dallo studio è emerso che le donne che consumano 1-2 bicchieri di vino rosso al giorno hanno una sessualità complessiva migliore rispetto al gruppo delle donne astemie o che bevono occasionalmente.


>>Continua a leggere ""VINO E EROS" : BENESSERE E SESSUALITA'"

7607 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Anche d’estate è tempo di vino rosso: un potente alleato della nostra salute

Scritto da Ciro Iodice • Martedì, 16 giugno 2009 • Commenti 0 • Categoria: Vino rosso
Il resveratrolo, un alleato per l'estate
Il vino rosso come elisir di lunga vita.

Denso, corposo, servito fresco al tramonto dopo una giornata piena di sole.
Va assaggiato lentamente respirandone gli aromi, percependo in bocca le sottili sfumature conferite al suo sapore dal posto in cui è nato.

Ma il vino non è solo un piacere per i nostri sensi è anche fonte di benessere per il nostro corpo.

I ricercatori della School of Biomedical Sciences dell'Universita' di Queensland, in Australia, hanno scoperto il modo in cui il resveratrolo, un fenolo contenuto nel vino rosso, agisce per preservare la salute del nostro organismo.


>>Continua a leggere "Anche d’estate è tempo di vino rosso: un potente alleato della nostra salute"

9439 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!