Londra: arriva il sostituto artificiale dell’alcol

imperial_college

Per tutti gli amanti del bere, per quelli che non sanno fermarsi davanti una bella e buona bottiglia di vino, finalmente arriva una soluzione: un sostituto artificiale dell’alcol, che da’ una sensazione di ubriachezza ma senza lasciare il bevitore con un grosso mal di testa e una sbornia da smaltire il giorno dopo.
A realizzarlo e’ stato un team di esperti farmaceutici dell’Imperial College di Londra, guidato dal professor David Nutt. Questo nuovo tipo di alcool, gia’ testato con successo su alcuni volontari, è composto da sostanze chimiche simili al sedativo Valium. Crea una sensazione di ubriachezza paragonabile a quella dell’alcol, rendendo rilassati.

david-nutt

Nutt ha spiegato al quotidiano britannico Daily Mail “E’ una sostanza incolore, insapore e priva di effetti collaterali indesiderati. Anche se ne si beve tanto, inoltre, si rimane – ha aggiunto – solo mediamente ubriachi, e non si soffre della sbornia del giorno dopo”.
La speranza di Nutt è quella di creare una buona alternativa all’alcol, qualcosa che sostituisse le comuni bibite come birra, vino e liquori.
Il Professore ha spiegato: “L’uso di questa sostanza potrebbe ridurre il problema del bere in Gran Bretagna, un problema che costa a questo paese 3 miliardi di sterline all’anno. Potrebbe anche ridurre il numero di morti a causa dell’avvelenamento da alcool”.
Tuttavia altri esperti di farmaci ritengono che la nuova sostanza sarebbe classificata come medicinale, impedendo cosi’ il suo libero utilizzo nelle bevande.

WineNews, all’estero gli italiani bevono vino locale e birra
Rupi del Vino – Il film documentario di Ermanno Olmi