Una caraffa differente

caraffa

La buona, vecchia e cara Europa non si smentisce mai

Una designer svedese, Matilda Sundén Ringnér, ha progettato un innovativo oggetto per la mescita del vino: RainMan.

Si tratta di una caraffa in vetro, di forma vagamente conico-cilindrica, aperta alla sommità e munita, sulla parete laterale, di un ugello multiforo (un po’ come quello della doccia) . L’apertura in alto serve, evidentemente, per versarci il vino, mentre l’apertura laterale per servirlo alla mescita.

E’ chiaro che si tratta di un oggetto di design, innanzitutto, vista la pulizia delle forme, la trasparenza e l’oggettiva bellezza. Ma è anche strumentale alla decantazione e all’ossigenazione del vino – qualora richiesto.

Infatti…

…all’atto della mescita della nostra preziosa ed amata bevanda, il vino cade “a pioggia” nel bicchiere. Questo ottiene due risultati: primo, l’aumento della quantità di vino a contatto con l’aria e, secondo, il maggiore ma più delicato gorgogliamento all’arrivo nel bicchiere.

Entrambi i due fenomeni favoriscono l’ossigenazione (e la parziale ossidazione) del vino e favoriscono il “risveglio” dei profumi e degli aromi in esso celati.

Se RainMan vi piace e volete regalarlo per Natale, potete visitare il sito di Skruf Glasruks che recentemente ne ha iniziato la produzione.

Bello ed utile, no?

WineNews, all’estero gli italiani bevono vino locale e birra
Rupi del Vino – Il film documentario di Ermanno Olmi