AZIENDA AGRICOLA FEDRIZZI: Un Lagrein tutto da Gustare!

presentazione

L’azienda agricola Fedrizzi Cipriano vinifica le uve dei propri vigneti da ben quattro generazioni (dal 1870).

La superficie attuale ,coltivata a vigneto, è di 7 ha, situati nella Piana Rotaliana.
La gestione dell’azienda è a conduzione familiare.

Dal 1994 l’azienda ha operato una scelta di mercato : ridurre le rese ad ettaro, di applicare nuove pratiche agronomiche, di introdurre nuove tecniche di vinificazione e altri accorgimenti atti a mantenere e rendere salubre e migliore il prodotto.

Attualmente l’azienda è gestita da Giovanni Fedrizzi, che ha alle spalle l’appoggio e l’esperienza del padre Cipriano.

I vini prodotti sono tre rossi: Teroldego Rotaliano D.O.C.(base), Teroldego Rotaliano “Due Vigneti” (selezione affinata in barrique) e Trentino Lagrein D.O.C. (affinato in barrique).

La scelta di produrre soltanto queste tipologie di uve è dovuta al fatto che il Teroldego è una varietà autoctona,che trova nella Piana Rotaliana il suo habitat ideale.

Anche il vitigno Lagrein, trova nei terreni nel Campo Rotaliano le condizioni ottimali per produrre un vino ricco di personalità.

LAGREIN DOC 2006

UVE: Lagrein (100%), allevate con il sistema a pergola trentina doppia su terreni sabbiosi ed esposti a sud.

VENDEMMIA: avviene ancora manualmente, con la selezione in vigna dei grappoli migliori che vengono poi portati in cantina e pigiati.
Il mosto viene così lasciato a macerare sulle bucce per 12-15 giorni per permettere un’ottima estrazione di colore.

AFFINAMENTO: Una volta terminata la fermentazione, il Lagrein viene fatto maturare in botti ed affinato in bottiglia per qualche mese

COLORE: rosso rubino intenso

PROFUMO: fruttato e caratteristico, che ricorda la violetta e la mora. Al palato si dona secco, morbido, vellutato, fresco, pieno, con un corpo che si sposa con carni grigliate, carni rosse e formaggi semi stagionati.

NAPOLI: Il Policlinico Federico II sperimenta un “Elisir di bellezza” con l’uva
Nasce “Progetto Chianti” per valorizzare il vino