Franciacorta barone pizzini

Migliore bio in Italia

barone-pizzini

L’azienda vitivinicola franciacortina Barone Pizzini inaugura il 2010 con un nuovo riconoscimento attribuito alle sue bollicine da viticoltura biologica, di cui e’ pioniera in Franciacorta: la prestigiosa Guida ai vini biologici d’Italia 2010 ha premiato il Franciacorta DOCG Saten di Barone Pizzini come miglior spumante bio in Italia, ricompensando il continuo impegno dell’azienda nel proporre al pubblico etichette che abbiano raggiunto la miglior sintesi tra alta qualita’ e rispetto per l’uomo e la terra.

La Guida del critico enogastronomico Pierpaolo Rastelli, giunta quest’anno alla tredicesima edizione e considerata ormai un “must have” tra le guide enogastronomiche, rappresenta uno dei piu’ completi manuali per sommelier, esperti di vino o piu’ semplicemente appassionati wine-lover, riunendo i migliori vini da viticoltura biologica e biodinamica prodotti da aziende certificate e offrendo descrizioni precise della provenienza e delle caratteristiche organolettiche di ciascuno.

A testimonianza del fatto che la cultura del “bio” non riguarda piu’ soltanto un fenomeno di nicchia ma si e’ diffusa fino a diventare una reale esigenza sempre piu’ ricercata da produttori e consumatori, quest’anno le aziende presenti nella guida sono diventate 211 e i vini recensiti 776 (nel 2009 le cantine erano 184 e i vini degustati 700).

Tra i vini degustati alla cieca, 110 hanno ottenuto un particolare menzione e per la Franciacorta Barone Pizzini e’ stata l’unica cantina a distinguersi, conquistando il titolo di miglior spumante bio in Italia con il Saten e due menzioni speciali per il Franciacorta Extra Dry DOCG e il Franciacorta Bagnadore 2004 Pas Dose’.

Gia’ nella scorsa edizione della Guida, Barone Pizzini era stata l’unica bollicina bio della Franciacorta a ricevere la preferenza della giuria: l’anno scorso l’azienda era stata infatti premiata per il suo Extra Dry.

NAPOLI: Il Policlinico Federico II sperimenta un “Elisir di bellezza” con l’uva
Nasce “Progetto Chianti” per valorizzare il vino