Il turismo enogastronomico debutta alla BMT

logoBMT

A Napoli, le cantine e le aziende vinicole diventano protagoniste dell’offerta turistica

Una vacanza da gustare con tutti i sensi sembra essere la nuova vocazione dei turisti.

I viaggi enogastronomici valgono infatti, stando agli ultimi dati, oltre cinque miliardi di fatturato e si confermano il vero motore della vacanza Made in Italy.

Il turismo del vino rappresenta la sintesi migliore di questa nuova moda.
Sono tantissimi gli enoturisti in Italia, di età compresa tra i 26 e 45 anni, ed è in continua crescita la schiera di appassionati che scelgono i territori del vino: che sia bianco o rosso, fermo o frizzante, novello o invecchiato, il vino è sempre più un importante traino per il turismo.

La vacanza enogastronomica non solo è sempre più richiesta, ma costituisce per gli operatori turistici un valido strumento su cui investire. Rispondere a questa domanda sempre più esigente è uno dei nuovi obiettivi della 14ma edizione della Borsa Mediterranea del Turismo.
Il prossimo , alla Mostra d’Oltremare di Napoli, un’intera area del salone espositivo della BMT sarà dedicata ai viaggi in onore di Bacco e non solo. “La nuova sezione – annuncia il Presidente della BMT Angelo De Negri – ha l’obiettivo di promuovere l’incoming legato allo sviluppo del comparto enogastronomico. Esaltare il ruolo dei turismi locali e dei prodotti turistici territoriali è la nuova sfida della BMT ”.

Nell’area dedicata, i produttori presenteranno ai tour operator italiani e stranieri la loro offerta enologica, per viaggi a tema e pacchetti turistici che comprendono veri e propri percorsi alla riscoperta del gusto e delle tradizioni enogastronomiche.

Un calendario di incontri b2b favorirà un confronto diretto tra domanda ed offerta, contribuendo a sviluppare un settore in grado di attrarre turisti durante tutto l’anno e che rappresenta uno dei principali fattori di identificazione del nostro Paese all’estero.
Cibo e vino non solo come vettore di cultura e tradizioni territoriali, quindi, ma anche come asset strategico per lo sviluppo economico dell’Italia.

La Borsa Mediterranea del Turismo di Napoli con i protagonisti del turismo enogastronomico arricchisce ancora di più la sua offerta di eventi, e si conferma una vera Borsa del Turismo a 360°.

NAPOLI: Il Policlinico Federico II sperimenta un “Elisir di bellezza” con l’uva
Nasce “Progetto Chianti” per valorizzare il vino