LAMBERTI “DIECI” : VINO LEGGERO NATURALMENTE

logo_lamberti
Si chiama “Dieci”, il nuovo brand di Lamberti, cantina veronese del Gruppo Italiano Vini, ha lanciato due nuove tipologie di vino, Chardonnay e Rosè, che, grazie alla particolare esposizione dei vigneti, alla vendemmia anticipata, al processo di vinificazione, l’utilizzo di lieviti particolari durante la vinificazione, permettono di ottenere questo vino “naturalmente leggero” sia nel contenuto alcolico (solo 10 gradi), che nella quantità di calorie (meno di 65 calorie per bicchiere).

in più Lamberti propone la linea “Prima Luna” Early Harvest, anche qui la vendemmia è anticipata rispetto alla naturale epoca di maturazione delle uve che compongono questo nuovo vino. L’uva non eccessivamente matura è più acida e ha minor contenuto zuccherino che quindi si trasforma in minor contenuto alcolico naturalmente.

“DIECI” Chardonnay delle Venezie IGT NATURALMENTE LEGGERO

Le uve: 100% chardonnay

Il vigneto: vigneti veneti collinari, molto freschi e aerati, che producono uve naturalmente poco zuccherine. Le vigne sono allevate in varie forme, ma sempre privilegiando il microclima dei grappoli, che devono rimanere sani e protetti dalle scottature solari.

La vinificazione: Le uve sono pigiate mantenendo sempre la massima copertura dai fenomeni di ossidazione; sono poi subito spremute delicatamente e senza macerazione. Il mosto fermenta lentamente a bassissime temperature e grazie a particolari lieviti poco alcoligeni, gli zuccheri naturali si trasformano solo parzialmente in alcol. Il vino viene mantenuto sempre al freddo, in serbatoi di acciaio, fino all’imbottigliamento.

COLORE giallo paglierino tenue

PROFUMI: freschi e fruttati con penetranti note floreali; sapore sapido, armonico e gradevolmente fruttato.

GRADUAZIONE: alcol 10,0 %

Abbinamenti gastronomici: antipasti, primi piatti delicati, carni bianche fredde, sushi, frittate e insalate.

Temperatura di servizio: 8 – 10°C.

NAPOLI: Il Policlinico Federico II sperimenta un “Elisir di bellezza” con l’uva
Nasce “Progetto Chianti” per valorizzare il vino