Riconosciuta la “Doc” al vino di Todi

vino-bianco-01

E’ arrivato il riconoscimento definitivo alla Denominazione di Origine Controllata “Todi” da parte del Comitato Vini del Ministero delle Politiche Agricole.

Un grande successo dei produttori di uva e delle cantine del territorio, rappresentati dai produttori Associati Vino Grechetto di Todi “Progres”.

Grande la soddisfazione dell’amministrazione comunale, nella persona del Sindaco Ruggiano e dell’assessore Ciani delegato al monitoraggio e al coordinamento dell’iniziativa.

L’assessore Ciani ha dichiarato: “Il risultato ottenuto è un prezioso riconoscimento di attenzione e di stima, ma è un grande punto di partenza che ci auguriamo dia nuova linfa alle produzioni agricole, ai nostri vini ed a tutto il turismo enogastronomico.

L’amministrazione comunale ringrazia il Ministero delle Politiche Agricole per avere avuto grande considerazione e grande rispetto per un territorio come il nostro, piccolo per dimensioni, ma grande per tradizioni e risorse”.

Il Grechetto è la più importante uva a bacca bianca del Centro Italia.

Viene prodotto come DOC e DOCG in Toscana e Umbria, ma la diffusione del vitigno continua anche nelle Marche e nel Lazio.

Tra tutte le varietà di Grechetto, quello di Todi è il più fine ed elegante.

È un vitigno autoctono, una particolare varietà di Grechetto che si differenzia sia per il biotipo che per le zone di coltivazione.

Da queste uve si ottengono vini di colore giallo paglierino dai riflessi verdognoli, con delicati aromi fruttati, moderatamente acidi, sufficientemente alcolici.

NAPOLI: Il Policlinico Federico II sperimenta un “Elisir di bellezza” con l’uva
Nasce “Progetto Chianti” per valorizzare il vino